Rivista di filosofia, Volume 3

Front Cover
A.F. Formiggini, 1911 - Philosophy
0 Reviews
Reviews aren't verified, but Google checks for and removes fake content when it's identified
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 266 - L'umana compagnia, Tutti fra se confederati estima Gli uomini, e tutti abbraccia Con vero amor, porgendo Valida e pronta ed aspettando aita Negli alterni perigli e nelle angosce Della guerra comune.
Page 266 - ... d'aura maligna, un sotterraneo crollo distrugge sì, che avanza a gran pena di lor la rimembranza. Nobil natura è quella che a sollevar s'ardisce gli occhi mortali incontra al comun fato, e che con franca lingua, nulla al ver detraendo, confessa il mal che ci fu dato in sorte, e il basso stato e frale; quella che grande e forte mostra...
Page 259 - Tout homme peut engager ses services, son temps ; mais il ne peut se vendre ni être vendu.
Page 186 - ... 1468. La tradizione si deve fare nel luogo in cui la cosa si trovava al momento della vendita , quando non si è diversamente pattuito. 1469.
Page 184 - ... di stato, di separazione tra coniugi, e le altre che non possono essere transatte
Page 162 - ... sensi, e, senza finir mai di stupirsi e di appagarsi, contemplando i ricetti dell'immaginazione, della memoria e del discorso; cosi quello che '1 puro senso della vista rappresenta, è come nulla in proporzion dell'alte meraviglie che, mercé delle lunghe ed accurate osservazioni, l'ingegno degl'intelligenti scorge nel ciclo.
Page 14 - It is incorrect, then, to say that any phenomenon is produced by chance ; but we may say that two or more phenomena are conjoined by chance, that they coexist or succeed one another only by chance...
Page 180 - Finis et scopus quem leges intueri atque ad quem jussiones et sanctiones suas dirigere debent, non alius est quam ut cives feliciter degant. Id fiet si pietate et religione recte instituti, moribus honesti, armis adversus hostes externos tuti, legum auxilio adversus seditiones et privatas injurias muniti, imperio et magistratibus obsequentes, copiis et opibus locupletes et florentes fuerint.
Page 271 - Più conformato, e quel ch' ei più apprezza, Fu della volontà la libertate, Di che le creature intelligenti E tutte e sole furo e son dotate'. Or ti parrà, se tu quinci argomenti, L' alto valor del voto, s' è sì fatto Che Dio consenta quando tu consenti : Che nel fermar tra Dio e l' uomo il patto, Vittima fassi di questo tesoro Tal qual io dico , e fassi col suo atto.
Page 29 - L'esprit de ce souverain juge du monde n'est pas si indépendant, qu'il ne soit sujet à être troublé par le premier tintamarre qui se fait autour de lui. Il ne faut pas le bruit d'un canon pour empêcher ses pensées : il ne faut que le bruit d'une girouette ou d'une poulie. Ne vous étonnez pas s'il ne raisonne pas bien à présent; une mouche bourdonne à ses oreilles?

Bibliographic information